Che cos’è la rivettatrice

La rivettatrice è lo strumento da usare eseguire diverse tipologie di lavori fai da te e lavori manuali ma con risultati professionale. Infatti, si sa moltissimo anche a livello industriale per una serie di lavorazioni.

A che cosa serve

Si usa la tirainserti filettati, altro nome per rivettatrice, per applicare i rivetti. Si tratta di piccoli elementi ideati per fissare insieme due cose. Il tipo di fissaggio ottenuto è notevolmente più saldo rispetto a quello con le semplici viti. Questo succede perché il sistema che la tira inserti utilizza non è a filettatura ma a pressione, perciò molto più saldo. Rivetti e viti quindi non sono elementi sono intercambiabili tra di loro.

La vite va benissimo quando si deve lavorare con il legno, ma non assicura lo stesso risultato quando si tratta del metallo. Per congiungere due prati di metallo, occorre utilizzare un rivetto. Questa tecnica rappresenta un’ottima alternativa alla saldatura, soprattutto quando si lavora su due materiali differenti.

Le tipologie di rivettatrice

Esistono due tipi di tirainserti filettati da scegliere in base al tipo di lavoro da eseguire. La prima è la ricettatrice a mano che si usa per inserire il rivetto con la forza. In questo caso, si aziona la rivettatrice con la forza delle braccia per spezzare il rivetto e fissarlo al punto giusto in modo super saldo. è infatti sufficiente tirare il “grilletto” per fissare il chiodo, ma esistono anche quelle a pressione in cui occorre tirare una leva verso il basso.

Oltre alla rivettatrice manuale che è più indicata per i lavori domestici e di fai da te, c’è anche quella automatica che può funzionare a elettricità oppure ad aria. Si tratta sicuramente di strumenti con caratteristiche professionali, pensati per un uso prolungato senza bisogno di impegnare forza e, dunque, senza affaticare il polso. Non si usa la forza fisica poiché lo strumento per fissare i rivetti è azionato dalla corrente o dall’aria. Il lavoro è preciso, veloce e di qualità elevata.